Pemio Nazionale di Poesia e Narrativa dedicato alla Bicicletta e al suo mondo

Il Bicicletterario: un Premio Letterario unico al mondo dedicato alla bici



Locandina prima edizione
Locandina seconda edizione
 
Locandina terza edizione














IL BICICLETTERARIO è il premio letterario per opere inedite che abbiano come tema la bicicletta: unico, in questo, tanto in Italia quanto nel mondo. E’ stato ideato in seno al Co.S.Mo.S. - Comitato Spontaneo Mobilità Sostenibile (un gruppo di attivisti e volontari) partendo da un piccolo centro del sud-Lazio, Minturno (LT), e da lì ha raggiunto tutta l’Italia, superando anche i confini nazionali, segno forse della crescente sensibilità verso temi, quali la sostenibilità, di cui la bicicletta incarna l’aspetto più popolare e per questo ‘democratico’.
Già al suo debutto, con l’edizione 2015, ha visto partecipare 232 autori nelle varie sezioni, suddivise per genere e fascia d’età, provenienti da 32 province italiane e 5 paesi esteri; con l’edizione del 2016 le province  di provenienza sono salite a 68 - in 18 regioni italiane - e sei opere sono pervenute da altrettanti paesi esteri, per un totale che ha superato i 400 partecipanti. La terza edizione ha registrato la partecipazione di 427 autori da 19 Regioni italiane e ben 11 Paesi esteri, confermando la tendenza alla crescita dell’iniziativa, quanto a diffusione e adesione.
Ma ancora non basta: molte le persone ancora da raggiungere, da sensibilizzare, in questa Italia dalle mille contraddizioni, ed è proprio questo lo scopo de IL BICICLETTERARIO. Attraverso l’espressione letteraria, si vuole parlare di bicicletta, delle sue molteplici declinazioni, dei sentimenti che suscita, dei ricordi che evoca, del futuro che può aiutarci a costruire; con le PAROLE IN BICICLETTA si intende premiare bambini, ragazzi e adulti (siano essi scrittori acclamati o poeti e narratori in erba) che abbiano qualcosa da dire in proposito. La partecipazione è quindi aperta a tutti, e assolutamente gratuita.

Di grande importanza la necessità di veicolare tra le nuovissime e nuove generazioni il messaggio secondo cui la cultura genera consapevolezza, la quale soltanto può fornire gli strumenti per un pensiero critico che aiuti a decifrare le dinamiche che muovono la nostra società ed i suoi sviluppi.
Riteniamo, in tal senso, che la consapevolezza non potrà che condurre a riconsiderare ogni possibile sviluppo positivo secondo direttrici che prevedano la sostenibilità.
Nel caso specifico, si applicano i criteri di sostenibilità alla mobilità, al cui centro, soprattutto negli spazi urbani, si pone la bicicletta, come mezzo ecologico e democratico, con importanti conseguenze sul ripristino della socialità come fulcro delle comunità, passando per la restituzione degli spazi pubblici ad una fruizione che non sia più autocentrica ma fondata sulle persone e sull’interazione costruttiva tra individui.
Il connubio con la scrittura creativa appare a nostro avviso una potente spinta verso l’acquisizione di strumenti utili alla consapevolezza auspicata. La lettura, come elemento propedeutico alla scrittura, è base imprescindibile di una adeguata comprensione del testo (sia esso scritto o orale), ovvio presupposto per la valutazione critica delle informazioni che sempre più numerose e caotiche giungono al singolo da innumerevoli media.

Lo spirito su cui è costruito IL BICICLETTERARIO è quello della condivisione delle esperienze, puntando alla partecipazione in misura molto più significativamente che alla ‘competizione’. La previsione di una ‘rosa’ di opere vincitrici è concepita quale stimolo al confronto per favorire l’affinamento dei mezzi espressivi, ma l’intero progetto assume davvero valore in relazione alla diffusione, attraverso la quale ogni singolo autore partecipa ad ugual titolo alla concretizzazione dell’iniziativa e dei suoi scopi.

Il favore riscosso da tale approccio è testimoniato dalle innumerevoli persone coinvolte spontaneamente nella diffusione del bando, e, ancor prima nell’adesione di illustri e qualificati personaggi per la composizione della giuria, nonché nell’appoggio e nel supporto di importanti realtà operanti nell'ambito della cultura, dell’informazione, della sostenibilità e dello sport: ovunque l’iniziativa sembra aver riscosso entusiastico riscontro.

Questa breve sisntesi vuole quindi essere un appello a considerare questo progetto come una delle modalità attraverso cui catalizzare l’attenzione e la sensibilità delle persone verso temi ineludibili per una società che voglia essere costruita intorno all’uomo.

Ci impegnamo dunque a mantenere la gratuità della partecipazione, tanto al Premio quanto alla festa di premiazione che, come finora accaduto, sarà sempre inclusa in un evento di più ampio respiro 'costruito' intorno alla bicicletta e alla sostenibilità, con contributi di arte, artigianato, fotografia, storia, teatro, musica e bikeconomics: all’esclusività si preferirà l’inclusività, in ogni circostanza, al fine di azzerare la distanza tra gli individui o quanto meno per dimostrare che accorciarla si può.


(nel video qui sotto, una sintesi per immagini e parole della festa di premiazione, Il Bicicletterario in Festa - 2017)
 






Sperando di aver saputo fornire una efficace - seppur sintetica - descrizione del progetto e soprattutto dello spirito che lo anima, rimandiamo, per ogni informazione aggiuntiva e più dettagliata, alla consultazione di questo sito:

www.bicicletterario.blogspot.it

Nella colonna laterale destra, sono presenti i links alle diverse pagine delle varie edizioni, all’interno delle quali è possibile trovare tutti i contenuti necessari a formarsi un’idea completa del progetto e delle modalità con cui viene attuato.

IL BICICLETTERARIO ha anche una sua pagina Facebook, sussidiaria al sito per le informazioni e la diffusione del progetto, e un account Twitter (@bicicletterario).

E’ possibile contattare direttamente la segreteria del premio all’indirizzo e-mail:
bicicletterario@gmail.com
nonché il Co.S.Mo.S. all’indirizzo e-mail:
cosmosminturno@gmail.com

Saremo lieti di rispondere ad ogni eventuale domanda in merito.

E naturalmente aspettiamo le vostre Parole in Bicicletta!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui